Dal Codice Civile alla L. 49/87

Il mondo degli organismi non profit è molto vasto. La principale fonte di riferimento legislativa è il Codice civile e relative integrazioni attraverso leggi speciali nazionali.

Il codice civile disciplina TRE forme giuridiche di enti:

Associazioni (distinte tra “riconosciute” e “ non riconosciute): Art. 14 ss/ Art. 16 ss
Fondazioni: Art. 14 ss
Comitati: Art. 39 ss.

A queste forme di organismi non profit, bisogna aggiungere:

Cooperative, in particolare le Cooperative Sociali (tipo A: gestione servizi socio-sanitari ed educativi – Tipo B: attività finalizzate all’inserimento lavorativo delle persone svantaggiate): L.8 novembre 1991, n. 381;
Imprese Sociali: D.lgs.24 marzo 2006, n. 155.

 

Le forme aggregative sopra descritte, inoltre, sono ulteriormente definite da una legislazione speciale che regolamenta gli enti non commerciali, indipendentemente dalla forma giuridica adottata ma soltanto in base alle finalità perseguite e alle modalità di svolgimento delle relative attività istituzionali.

Ciò implica alcuni importanti benefici di carattere fiscale e amministrativo.


 

Per quanto riguarda le Organizzazioni non Governative, la Legge di riferimento è la 29 febbraio 1987, n. 49, “Nuova disciplina della cooperazione dell’Italia con i paesi in via di sviluppo”, e leggi successive di modifica.

Stando, tuttavia, all’art.10, punto 8, della suddetta legge, le OnG sono “in ogni caso considerate Onlus” purché adeguatamente riconosciute dal Ministero degli Affari Esteri come “idonee”. In quanto Onlus (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), le OnG sottostanno ai benefici stabiliti dal D.lgs. 4 dicembre 1997, n. 460.

Allegati
FileFile size
Download this file (art.14-42 Codice Civile Disciplina Associazioni.pdf)Art. 14-42 Codice Civile64 Kb
Download this file (2011-11-04_Legge49agg.pdf)Legge 49/1987158 Kb